Coltivare le pere Nashi

Coltivare le pere Nashi
Eddie Hart

La coltivazione delle pere nashi (pere asiatiche) comporta alcuni passaggi che vi consigliamo di conoscere. Leggete questo articolo su come coltivare le pere asiatiche per scoprirli.

La pera nashi, chiamata anche pera asiatica, è originaria dell'Asia orientale e viene coltivata anche in Australia, Europa e America.

Zone USDA: Da 5 a 9

Difficoltà: Da facile a moderato

pH del suolo: 5.8 - 7

Altri nomi - Pero asiatico, pera cinese, pera coreana, pera giapponese, pera mela giapponese, pera taiwanese, pera mela, nashpati e pera sabbia.

Propagazione

L'albero di nashi può essere propagato da semi, talee e innesti. È meglio acquistare una pianta in vaso dal vivaio per ottenere i frutti più velocemente e un albero più forte.

Piantagione

Scavare una buca per l'impianto del pero Nashi con una pala. La buca deve avere una profondità e una larghezza pari al doppio della zolla della pianta. Togliere la pianta dal contenitore del vivaio senza danneggiarne le radici. Allargare e staccare la zolla e collocare la pianta nella buca allo stesso livello in cui si trovava nel contenitore. Riempire la buca con il terriccio, picchiettare delicatamente intorno alla superficie e innaffiare abbondantemente.

Posizione per la coltivazione delle pere Nashi

Scegliete un luogo aperto e soleggiato del vostro giardino per piantare le pere asiatiche, evitando una posizione disordinata che blocchi il flusso d'aria della pianta. L'albero di nashi è autoimpollinante, quindi non è necessario piantare due o tre alberi. Cresce solo fino a 15 piedi di altezza e non richiede molto spazio.

Le pere Nashi possono tollerare temperature invernali fino a - 40 gradi Fahrenheit, ma dipende dalla varietà che si sta coltivando.

Guarda anche: Come evitare i cetrioli amari e coltivare frutti dolci e succosi

Requisiti per la coltivazione delle pere Nashi

Sole

Le pere Nashi crescono in pieno sole, sono indispensabili almeno 6 ore di luce solare diretta.

Guarda anche: 18 suggestive idee di pareti di erbe aromatiche fai da te

Suolo

Cresce meglio in un terreno ricco di microelementi e argilloso. Il terreno per il nashi deve essere ben drenato e umido, con un livello di pH tra 6 e 7.

Acqua

Innaffiare il pero nashi subito dopo l'impianto, in modo che le radici entrino in contatto con il terreno. Fornire acqua a sufficienza per garantire che la pianta riceva almeno un centimetro d'acqua durante la stagione di crescita. Il pero nashi può richiedere acqua supplementare se piantato in un terreno sabbioso.

Fertilizzante

Le pere Nashi non hanno bisogno di molto fertilizzante. Tuttavia, se l'albero cresce lentamente, applicate un fertilizzante bilanciato 10 - 10 - 10 all'inizio della stagione di crescita e a metà estate. La dose dovrebbe essere da 1/3 a 1/2 tazza di fertilizzante per ogni anno di età dell'albero - fino a 8 tazze.

È inoltre consigliabile applicare compost o letame agricolo in primavera e in estate.

Cura

I suoi frutti sono spesso mangiati da uccelli e vespe, quindi è necessario proteggere i frutti con delle reti.

Potatura

I peri nashi crescono più rapidamente dei peri e dei meli e devono essere potati regolarmente. Eseguite la potatura per dargli una forma desiderabile, eliminando i rami morti, deboli e indesiderati o quelli che bloccano la circolazione dell'aria.

Pacciamatura

Eseguite la pacciamatura per evitare le erbacce e conservare l'umidità in estate. Prima dell'inizio dell'inverno, pacciamate di nuovo con paglia e sfalci d'erba per isolare la pianta.

Leggi anche : Uso degli sfalci d'erba in giardino

Raccolta

I primi frutti sono attesi nel secondo o terzo anno di coltivazione delle pere nashi. La raccolta deve essere effettuata quando i frutti cambiano colore in giallo o verde bronzo ed emanano un invitante odore fruttato.

Il frutto della pera Nashi è più croccante della mela e ha un sapore simile a quello della pera o addirittura migliore e rinfrescante. Se lo si osserva più da vicino, si nota che il frutto è cosparso di minuscole scaglie, di colore caramello. È bene raffreddare adeguatamente i frutti prima di mangiarli, in modo che abbiano un ottimo sapore.




Eddie Hart
Eddie Hart
Jeremy Cruz è un orticoltore appassionato e un devoto sostenitore della vita sostenibile. Con un amore innato per le piante e una profonda comprensione delle loro diverse esigenze, Jeremy è diventato un esperto nel campo del giardinaggio in container, del giardinaggio indoor e del giardinaggio verticale. Attraverso il suo famoso blog, si sforza di condividere le sue conoscenze e ispirare gli altri ad abbracciare la bellezza della natura entro i confini dei loro spazi urbani.Nato e cresciuto nella giungla di cemento, la passione di Jeremy per il giardinaggio è sbocciata in giovane età mentre cercava conforto e tranquillità coltivando una mini oasi sul balcone del suo appartamento. La sua determinazione a portare il verde nei paesaggi urbani, anche dove lo spazio è limitato, è diventata la forza trainante del suo blog.L'esperienza di Jeremy nel giardinaggio in container gli consente di esplorare tecniche innovative, come il giardinaggio verticale, consentendo alle persone di massimizzare il proprio potenziale di giardinaggio in spazi limitati. Crede che tutti meritino l'opportunità di provare la gioia ei benefici del giardinaggio, indipendentemente dalla loro sistemazione abitativa.Oltre a scrivere, Jeremy è anche un consulente ricercato, che fornisce una guida personalizzata a privati ​​e aziende che desiderano integrare il verde nelle loro case, uffici o spazi pubblici. La sua enfasi sulla sostenibilità e le scelte eco-consapevoli lo rendono una risorsa preziosa nel greeningComunità.Quando non è impegnato a curare il suo lussureggiante giardino interno, Jeremy può essere trovato a esplorare i vivai locali, a partecipare a conferenze sull'orticoltura oa condividere la sua esperienza attraverso workshop e seminari. Attraverso il suo blog, Jeremy mira a ispirare e responsabilizzare gli altri a trascendere i vincoli della vita urbana e creare spazi verdi e vibranti che promuovano il benessere, la serenità e una profonda connessione con la natura.